Colli Berici Castagna Palace Hotel

Hotel business a Montecchio Maggiore

Colli Berici

I Colli Berici

 

Geografia e morfologia

 

Formatisi sul fondo di un antico mare nell’arco di un centinaio di milioni di anni, i Colli Berici risaltano nettamente sulla pianura alluvionale a sud di Vicenza.

Il rilievo presenta un profilo omogeneamente arcuato, piuttosto compatto e non molto elevato sul livelllo della pianura. Il Monte Lungo presso san Giovanni in Monte, alto appena 445 metri sul livello del mare, rappresenta la massima quota del complesso.

san giovanni in monte doc+-2

All’interno dei Colli, nel comune di Arcugnano, il Lago di Fimon rappresenta l’ultimo relitto di bacino naturale, a seguito della scomparsa spontanea del laghetto della Granza (posto tra Orgiano e Lonigo) e soprattutto dopo il prosciugamento artificiale del laghetto della Fontega presso lo stesso Arcugnano.

L’articolata morfologia del rilievo origina particolari microclimi locali, condizionati dall’esposizione dei versanti, dalla densità della copertura vegetale, dalla presenza e dall’orientamento di valli più o meno ampie e incise.

Il territorio è caratterizzato da vastissima biodiversità: florida è la fauna, soprattutto quella ipogea, mentre nelle porzioni più meridionali si riscontrano oasi xerotermiche (successive al ritiro dei ghiacci) che ospitano invertebrati tipici di un areale tipicamente mediterraneo.

La vegetazione dei Colli Berici è rappresentata da una straordinaria mescolanza di essenze diverse, ora più termofile (a clima caldo), ora più microterme, solite a vivere ad altitudini ben superiori a quelle massime raggiunte dal rilievo berico.

 

La Pietra di Vicenza

Da tempi immemorabili, negli strati rocciosi dei Berici, sono state aperte priare o cave per l’estrazione di quella che ora viene chiamata Pietra di Vicenza.

Andrea Palladio la utilizzò per le pilastrature di porte e finestre, per le colonne, per le decorazioni e per le statue con le quali abbelliva le sue creazioni, in grado di determinare un vero e proprio stile architettonico: lo stile palladiano.

197 ZEM Marmi statua FF03_2

 

Innumerevoli sono le opere che producono anche attualmente valenti artisti intagliatori: statue e vasi decorativi per giardini, capitelli, fontane e lastre per rivestimenti.

Oggi le cave attive sono circa una quindicina, concentrate in due zone:

nei comuni di Grancona e Nanto vi sono cave di pietra gialla, nei comuni di Zovencedo cave di pietra bianca.

 

Musei dei Berici

Museo della Civiltà Contadina di Carlo Etenli (Grancona)  – clicca qui per ulteriori informazioni

Museo della Vita Quotidiana e del Lavoro in Villa (Orgiano)  – clicca qui per ulteriori informazioni

Museo della Civiltà Rurale ‘Storia – Memoria’ (Colloredo di Sossano) – clicca qui per ulteriori informazioni

Museo degli Ex Voto presso il Santuario Madonna dei Miracoli (Lonigo) – clicca qui per ulteriori informazioni

Mostra di Reperti Archeologici (Brendola) – clicca qui per ulteriori informazioni

 

Prodotti tipici

Vini

 

Colli-Berici-DOC-vigne-da-albero

  • Cabernet dei Colli Berici
  • Pinot bianco
  • Sauvignon
  • Tocai rosso

Olio Extra Vergine di Oliva

Si produce soprattutto nella zona di Nanto, Barbarano, Villaga, Castegnero e Sossano

 

Tartufo nero – Varietà Scorsone

 

Piselli di Lumignano

 

Ciliegie

 

ciliegie

 

Il centro cerasicolo per eccellenza è Castegnero. La varietà qui prodotta è la ‘Mora di Castegnero’, ritenuta affine alla ben più nota ‘Mora di Vignola’

 

Formaggi

 

mezzaluna-piccante

Si producono il Grana Padano, l’Asiago e il Provolone Padano

 

Biologico

 

Numerose sono le realtà produttive a coltivazione biologica, prima fra tutte la Cooperativa Le Valli, che prepara tipi di pane con farine biologiche, confetture di frutta e miele.

Clicca qui per maggiori informazioni

 

Prosciutto DOP Berico

 

prosciutto

Si pone tra la produzione del San Daniele di Friuli e il Prosciutto Crudo di Parma

 

I Colli Berici offrono una scelta qualitativa di agriturismi dove si possono gustare i prodotti locali tipici

Clicca qui per l’elenco dei principali agriturismi

 

Escursioni

Tutto il territorio è adatto ad escursioni e scampagnate: il rilievo può essere diviso in alcune zone di rappresentanza. Clicca sul simbolo per l’elenco delle escursioni relative alla zona specifica

(x) Zona escursionistica dei Berici meridionali

(x) Zona escursionistica dei Berici occidentali

(x) Zona escursionistica del lago e delle valli di Fimon

(x) Zona escursionistica della Riviera Berica

(x) Zona escursionistica della Val Liona

(x) Zona escursionistica di Lumignano e dintorni

Per scaricare la mappa interattiva dei percorsi, disponibile su smartphone e tablet, clicca qui

 

Percorsi culturali consigliati

Ville, Chiese e Palazzi nella Lonigo dei Pisani

 

art_4704_1_foto 29.09.07

Partenza da Bagnolo e visita a Villa Pisani, prima opera commissionata ad Andrea Palladio dalla famiglia veneziana Pisani, edificata tra il 1544 e il 1545. Proseguimento verso il centro e visita all’interno di Palazzo Pisani, ora Municipio. Visita della Rocca Pisana e del Santuario della Madonna di Lonigo con annesso museo degli ex-voto.

 

Ad Orgiano sulle orme dei Promessi Sposi

 

141-orgiano-vi

Partenza da Orgiano e visita del Palazzo dei Vicari, edificato a partire dal 1592 dalla nobile famiglia Fracanzan. Proseguendo, si potranno visitare gli interni della chiesa parrocchiale, che conserva una tela di Bartolomeo Montagna raffigurante ‘La Vergine, San Giuseppe e il Bambino’, una tela di Alessandro Maganza raffigurante ‘San Carlo e Sant’Antonio Abate’, un notevole altare in marmo di Carrara e un crocefisso ligneo risalente al 1400. Successiva visita all’oratorio di San Rocco e al complesso di Villa Fracanzan Piovene, progettata dall’architetto Francesco Muttoni ed edificata a partire dal 1710: la Villa è considerata una delle ville più belle del Veneto!

 

Costozza, le Ville e non solo

 

7_08_2012_isola

Visita al centro di Costozza, agli esterni di Villa Trento-Carli (villa Seicentesca, opera dell’architetto Antonio Pizzocaro) e al grande parco di Villa da Schio. Si prosegue lungo la strada dei tajapiera (tagliapietra) fino alle grotte e alle case rupestri. Veloce scorcio sulla Chiesa di San Mauro e di Sant’ Antonio Abate. Sosta ristoro presso la Cantina Mattiello, con possibilità di acquistare i vini locali. Lungo la via del ritorno, fermata alla fontana di via Volto.

 

Ville palladiane e non tra Noventa, Agugliaro e Pojana

 

45e5f6a108

Partenza da Agugliaro e visita agli esterni di Villa Saraceno, progettata dal Palladio nel 1548 e costruita a partire dal 1555, e di Palazzo delle Trombe (o Villa Saraceno Bettanin), progettata dal Palladio nel 1543. Sosta al complesso delle Barchesse Trolio, risalenti al 1680 e appartenute alla famiglia Pigafetta, e all’annesso Oratorio di San Bortolo. Proseguimento verso Noventa e breve sosta per ammirare la gotica Villa Dal Verme, raro esempio di gotico veneziano in terraferma. A Noventa visita di Villa Barbarigo (villa patrizia del tardo XVI secolo) e del Duomo, che conserva una pala realizzata da Giambattista Tiepolo. Sosta a Pojana con visita di Villa Pojana, progettata da Andrea Palladio nel 1546 per la famiglia Pojana e proclamata dal 1996 Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO.

 

Itinerari ciclo-turistici

bike

 

Tutta la zona dei Colli risulta ben servita e attrezzata per itinerari in bicicletta. Per una lista approfondita dei possibili itinerari ciclo-turistici si consiglia di visitare il sito raggiungibile cliccando qui

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Colli Berici

Indirizzo: Colli Berici - Vicenza - Italia
Coordinate GPS 45.4388238, 10.9932779
Patria dell'amore tra Romeo e Giulietta, vicoli e piazze ricchi di storia, crocevia di popoli, usi e costumi di diversa provenienza, città romana e culla dell'archeologia grazie ai suoi resti…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.5088689, 11.4238256
Villa Cordellina Lombardi Di chiarissimo stampo palladiano, la villa fu eretta per volere del giureconsulto veneziano Carlo Cordellina Molin e fu progettata dall'architetto veneziano Giorgio Massari. I lavori di costruzione durarono…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.5464084, 11.543304
La Cattedrale di Santa Maria Annunciata rappresenta il centro del culto cattolico più frequentato in città ed è attualmente sede vescovile dell'omonima diocesi.   Storia Costruita sopra diverse preesistenze, l'attuale…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.5300078, 11.5461478
Situato sull'omonimo colle che sovrasta la città, il Santuario della Madonna di Monte Berico è la meta di culto per eccellenza per i pellegrini che si recano a Vicenza. Secondo…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.5455052, 11.5356501
Annessa per più di un millennio alla più importante abbazia benedettina del territorio vicentino, l'attuale Basilica sorge ove in epoca romana esisteva una necropoli pagana cittadina. La chiesa primitiva, risalente…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.5454787, 11.5354214
Situata all'interno dell'area centro-occidentale della Regione Veneto, la città di Vicenza rappresenta la patria indiscussa dell'architettura di Andrea Palladio: ciò le ha permesso di essere inclusa dall'UNESCO nell'elenco dei Patrimoni…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.55015915604, 11.549303850263
Risalente al 1580, fu progettato dall'architetto Andrea Palladio: è il primo e più antico teatro stabile coperto dell'epoca moderna. Venne commissionato al Palladio dall'Accademia Olimpica e fu inaugurato nel 1585,…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.531517425815, 11.560266814294
Villa Capra 'La Rotonda' è una villa a pianta centrale, commissionata nel 1566 ad Andrea palladio dall'ecclesiastico vicentino Paolo Almerico. E' ispirata al Pantheon di Roma e rappresenta un unicum dell'architettura di…
Ulteriori info
Coordinate GPS 45.4980159, 11.4213189
Collocato nella parte centro-meridionale rispetto allo splendido territorio della provincia di Vicenza, Montecchio Maggiore (il cui nome deriva da 'monticulus', letteralmente monticello o piccolo monte) è custode odierno della secolare…
Ulteriori info